Riconoscere frutta e ortaggi OGM (Organismi Geneticamente Modificati) dai prodotti coltivati senza l’impiego di additivi chimici, è più semplice di quanto si possa immaginare.

Solitamente la scelta del consumatore tipo, nell’acquisto dei prodotti della terra, è influenzata dall’aspetto, colore e non meno dal fattore prezzo; tuttavia esiste un semplice codice numerico, riportato sul bollino adesivo che si trova sulla frutta e verdura, in grado di svelarci importanti informazioni.

Il prezioso codice PLU (Price Look-Up), oltre a permettere di differenziare i vari tipi di vegetali in relazione alla tipologia, rivela le modalità di coltivazione del prodotto.

La semplicità d’interpretazione del codice risiede nel fatto che è sufficiente porre attenzione al numero di cifre di cui è composto. Nello specifico, se quest’ultimo presenta quattro cifre e comincia con il numero 3 o 4 il prodotto è sicuramente di tipo convenzionale, cioè coltivato con additivi chimici.Qualora sull’adesivo sia riportato un codice a cinque cifre, il prodotto potrebbe essere OGM o di tipo organico, ossia coltivato in modo naturale senza pesticidi e fertilizzanti chimici.

Al fine di distinguere quest’ultime due tipologie di vegetali bisogna fare riferimento al primo numero del codice.Nello specifico nel caso degli OGM la serie comincia sempre con il numero 8; pertanto una mela OGM sarà indicata con codice 84133. Tuttavia bisogna puntualizzare che esclusivamente nel caso dei prodotti geneticamente modificati il codice non è vincolante, pertanto potrebbero riportare un codice differente. Per quanto riguarda la frutta e vegetali coltivati organicamente, sono caratterizzati dal numero 9 come prima cifra del codice, pertanto una mela organica avrà codice 94133.

Infine, per quanti volessero acquistare un prodotto da agricoltura Biologica, ricercate il “logo del biologico”, una foglia stilizzata delineata dalle tipiche stelle dell’unione europea.

Annunci